Era Jazzu Festival 2021

2 dicembre 2021

Era Jazzu Festival Edizione 2021

Marta Ratajczak


L’Era Jazzu Festival è una manifestazione che si è tenuta negli ultimi venticinque anni almeno una volta all’anno, organizzata da Dionizy Piątkowski: produttore discografico, promoter, giornalista, critico jazz e autore di numerosi libri come la prima enciclopedia del jazz polacca.

Quest’anno il festival era dedicato al lavoro del grande Krzysztof Komeda, compositore e pianista jazz scomparso prematuramente nel 1969, autore delle musiche di film come Rosemary’s Baby e Knife in the Water. Negli anni 50, quando il jazz era proibito in Polonia, Komeda e il suo sestetto portarono il vero jazz americano nei club polacchi (inizialmente utilizzando pesudonimi per evitare problemi!).

Quest’anno l’Era Jazzu Festival si è tenuto a Poznań dal 14 al 21 novembre su due palchi: il Poznań Philharmonic Hall (UAM Auditorium) e la  Great Hall nel Castle Culture Center.

14 novembre 2021, Poznań Philharmonic Hall (UAM Auditorium)
19:00: Friend ‘n Fellow
(Constanze Friend – voce, Thomas Fellow – chitarra).

Il concerto che apre il festival di questanno è intrigante, incantevole e… aumenta l’appetito per molto altro jazz! Constanze Friend è una cantante dalla voce potente e con un timbro che ricorda Ella Fitzgerald o Sara Vaughn, e ha lavorato con musicisti come  Alvin Lee e James Brown. Presenta interpretazioni originali  di rock, blues, country e  jazz standards.Già solo questo rende il concerto emozionante, specialmente considerato che il meraviglioso Auditorium dell’Università ha una acustica ideale per questo tipo di performance. La grande impressione che Constanze regala viene accompagnata dalla brillante tecnica fingerstyle di Thomas Fellow.

Il chitarrista suona contemporaneamente le linee melodiche, le linee dei bassi e gli accordi: onostante la chitarra sia l’unico strumento la musica risuona con potere e bellezza, sgorgando dalle corde dell’incredibile musicista. Ascoltiamo le canzoni degli U2, The Doors, Johnny Cash, una straordinaria interpretazione di “Personal Jesus”, “Motherless Child” o “My Baby Just Cares For Me”. Tutte eseguite con arrangiamenti fantastici e un’ottima impostazione sonora.

17 novembre 2021, Poznań Philharmonic Hall (UAM Auditorium)
19:00 Ares Chadzinikolau – Grand Piano Komeda
20:00 Jan Ptaszyn Wróblewski – My Sweet European Motherland (Jan Ptaszyn Wróblewski – tenore, Henryk Miśkiewicz – alto, Robert Majewski – tromba, Wojciech Niedziela – pianoforte, Andrzej Święs – contrabbasso, Marcin Jahr – batteria).

L’intera serata è nuovamente dedicata a Krzysztof Komeda. Si inizia con un’esibizione solista di un pianista, pittore e poeta greco Ares Chadzinikolau. L’artista espone un arrangiamento originale e molto poetico delle opere di Krzysztof Komeda, introducendo l’atmosfera di un sogno, che scorre con i suoni dei tasti del pianoforte. Dopo una performance breve, ma di grande successo, appare sul palco il sestetto del leggendario musicista jazz polacco e membro della formazione originale del gruppo di Krzysztof Komeda: Jan Ptaszyn Wróblewski.

La band, con una formazione forte e stellare, presenta con vera passione il programma “My sweet European motherland”, che Komeda aveva preparato molti anni fa sotto forma di illustrazioni musicali di poesie di poeti polacchi. Una performance piena di bellissime melodie, che mostrano perfettamente l’innegabile talento di ciascuno dei musicisti  sia nelle esecuzioni solistiche sia nei fantastici dialoghi tra gli strumenti, ricchi di momenti emozionanti che mi hanno fatto ricordare di nuovo ciò per cui amo il jazz!

I musicisti, in particolare il pianista (Wojciech Niedziela), sono abili nel sottolineare come un elemento importante nella musica improvvisata veramente bella sia quella linea sottile tra il suono che scompare e il raggiungimento del silenzio – così significativa da penetrare tra i miei pensieri, risvegliando un desiderio ossessivo di ascolto. Dopo il programma di “My Sweet European Motherland”, il sestetto di Ptaszyn esegue il suo arrangiamento del tema dell’opera “Halka” di Stanisław Moniuszko, “Highlander Dances” in una versione jazz, “Secret Love” di Sammy Fain splendidamente interpretata e – dopo una standing ovation e la insistente richiesta di bis da parte del pubblico – “Cantilena”.

20 novembre 2021, the Great Hall, the Castle Culture Center, Poznań
19:00 Grit Ensemble – Komeda Deconstructed (Patryk Piłasiewicz – contrabbasso, Kacper Grzanka – tromba e flicorno, Maciej Sokołowski – tenore e clarinetto, Kacper Krupa – tenore, Wojtek Świeca – chitarra, Andrzej Konieczny – batteria, Kuba Szwarc – batteria, Krzysztof Dys pianoforte)
20:30 Espen Eriksen Trio – Czas Komedy (Espen Eriksen – pianoforte, Lars Tormod Jenset – contrabbasso, Andreas Bye – batteria).

Il Grit Ensemble band presenta un programma affascinante (e meravigliosamente preparato) programma tratto dal loro album Komeda Deconstructed (2015).L’approccio innovativo alla musica di Krzysztof Komeda è incantevole, così come la grande sintonia che si percepisce tra i musicisti. La scaletta dà l’impressione di una suite, allo stesso tempo lasciando spazio per le improvvisazioni individuali.

Il trio norvegese di Espen Eriksen presenta lavori conosciuti e meno conosciuti del maestro, arricchendo le sue composizioni con uno spirito di impeccabile purezza e precisione scandinava. Oltre ai riferimenti a Komeda, il trio suona brani tratti dai loro dischi, permettendoci di godere sia del sound del jazz norvegese sia di una costruzione musicale che ricorda i film di Ingmar Bergman. Il momento più sensazionale del concerto – che probabilmente ricorderò per tutta la vita – è l’esecuzione della ninna nanna dal film Rosemary’s Baby: il suono del piano e della batteria sfumando lasciano spazio al contrabbasso che esegue il tema con l’arco. Indimenticabile!

21 novembre 2021, the Great Hall, the Castle Culture Center, Poznań
19:00 Piotr Schmidt Quartet – Tribute to Stańko & Komeda (Piotr Schmidt – tromba, Paweł Tomaszewski – pianoforte, Michał Barański – contrabbasso, Sebastian Kuchczyński – batteria)

L’ultimo concerto dell’Eru Jazz Festival edizione 2021 prevede il quartetto di Piotr Schmidt con un programma tributo a Tomasz Stańko e Krzysztof Komeda. Atmosfere riflessive, con un mood contemplativo. Durante il concerto i musicisti espongono le loro grandi  capacità tecniche realizzando uno spettacolo di alto livello. Tra le composizioni eseguite anche due brani scoperti di recente (e ancora sconosciuti al mondo) scritti molti anni fa da Krzysztof Komeda. Alla fine del concerto il musicista omaggia il padre Andrzej Schmidt, straordinario storico jazz,scomparso di recente, suonando un arrangiamento swingante della “Ah Sleep, Darling” di Henryk Wars.

Il Festival di quest’anno è finito ma cerco di non essere triste, anche perché la manifestazione migliora di anno in anno! Aspetto dunque impaziente l’edizione 2022!

Era Jazzu Festival 2021 Jazzespresso Rivista Jazz – copyright 2021

Reservados todos los derechos – All rights reserved – 版權所有 – 版权所有 - Tutti i diritti sono riservati
ABOUT US / 關於我們 / 关于我们 / NOSOTROS / CHI SIAMO
[Sottoscrivi
la Newsletter di JazzEspresso se vuoi rimanere sempre informato!]
Info: info@jazzespresso.com
Advertising / 廣告 / 广告 / Publicidad / Pubblicità: adv@jazzespresso.com.
 
Jazzespresso es una revista, un sitio web, una red, un centro, que conecta todas las almas del jazz de todo el mundo. América, Europa, Asia, Australia y África: noticias de todo el mundo en una página en cuatro idiomas. Un punto de referencia multicultural en inglés, chino y castellano para los amantes de esta música en todos los países. Para el aficionado o el profesional que quiere mantenerse informado sobre lo que está ocurriendo en todo el mundo. Manténganse informados!
Jazzespresso is a magazine, a website, a network, a hub, connecting all the souls of jazz all over the world. Americas, Europe, Asia, Australia and Africa: news from all over the world on a page in four languages. A multicultural reference point in English, Chinese and Spanish language for the lovers of this music in every country. For the amateur or the pro who wants to be updated about what is happening all around the world... Stay tuned.
Jazzespresso 不只是一個爵士樂雜誌,也是一個能將擁有各種不同精髓的世界爵士樂,包括美洲、歐洲、亞洲、澳洲及非洲各地,互相連結起來的網站及交流站。以中文及英文寫成的內容將是一個新的多元文化交流的參考點,為各地的爵士音樂愛好者提供來自全世界最新的消息。請持續關注!
JazzEspresso 不只是一个爵士乐杂誌,也是一个能将拥有各种不同精髓的世界爵士乐,包括美洲、欧洲、亚洲、澳洲及非洲各地,互相连结起来的网站及交流站。以中文及英文写成的内容将是一个新的多元文化交流的参考点,为各地的爵士音乐爱好者提供来自全世界最新的消息。请持续关注!
Jazzespresso è una rivista, un sito web, una rete che connette le anime del jazz di tutto il mondo. America, Europa, Asia, Australia e Africa: notizie da tutto l'orbe terracqueo in una pagina tradotta in cinque lingue. Un punto di riferimento multiculturale in inglese, cinese, spagnolo e italiano per gli amanti di questa musica in tutti i paesi del mondo. Per gli amatori o i professionisti che vogliono essere aggiornati su quello che sta succedendo in tutto il pianeta... rimani sintonizzato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close