In Relation To: un espresso con Ian Murphy

9 novembre 2021

I Big Space sono un trio canadese che ha base a St John’s, nel Labrador. Propongono una musica originale, che miscela brillantemente jazz, rock, indie, funk e molto altro. Abbiamo intervistato Ian Murphy, bassista del gruppo.

> Eugenio Mirti


Come si è formato il trio?
Io e Grant siamo vecchi amici: proveniamo dalla stessa città del Newfoundland e abbiamo suonato insieme per anni. Ha studiato alla Berklee e alla Longy School of Music e si è concentrato molto sul jazz e sull’improvvisazione, amando particolarmente suonare in trio. Dopo il suo ritorno in Newfoundland aveva sviluppato delle idee per un trio jazz-rock e pensava che io fossi una buona scelta come bassista.
 
Il nostro batterista Ashley è originario di Montreal, e poco dopo essersi trasferito in Newfoundland vide Grant suonare le tastiere a un concerto in un club  di un altro gruppo. Pur essendo un gruppo indie-rock Ashley sentiva molto jazz nel playing di Grant, così dopo il concerto si presentarono e scoprirono con sorpresa che avevano molte influenze in comune: musicisti come  Wayne Krantz, John Scofield, Medeski Martin & Wood,e anche molti ascolti simili in altri generi come elettronica e metal. Grant pensò che Ashley sarebbe stato il batterista perfetto per il guitar trio che aveva in mente, così iniziammo a jammare nel 2013 e non abbiamo mai smesso di suonare insieme.

 


 

La vostra musica è un originale mix di jazz, rock, indie, funk… quali sono gli artisti che avete ascoltato mentre sviluppavate il vostro stile?
Quando abbiamo creato il gruppo nel 2013 il nostro obiettivo era quello di improvvisare e suonare liberamente senza limiti, mescolando tutte le nostre influenze (jazz rock, metal e altri generi) in un suono unico.

Musicisti contemporanei di fusion come il trio di Wayne Krantz con Keith Carlock e Tim Lefebvre sono stati di grande ispirazione per come usano l’imporovvisazione durante le performance, ma direi anche Nels Cline, Bill Frisell e Julian Lage. Siamo anche ispirati da molti artisti che non appartengono alla comunità del jazz, qualsiasi cosa dai Radiohead ad Aphex Twin ai Tool, compreso musica classica, metal e hip-hop.

 

 Come lavorate a composizioni e arrangiamenti? Lavorate singolarmente o è un lavoro del colelttivo?
Scriviamo e arrangiamo i brani insieme. Molte delle composizioni iniziano con una parte di chitarra scritta da Grant che viene arricchita dai contributi di tutti. Lasciamo sempre anche molto spazio all”improvvisazione collettiva.

 

La vostra musica è un crossover difficile da proporre (troppo rock per il jazz, troppo strumentale per il rock). Coma lavorate ad ampliare la fan base?
Può essere difficoltoso quando i club si concentrano su un solo genere, ma siamo fortunati perché St. John’s è sede di una scena musicale fiorente ed eclettica, soprattutto per una piccola città. Ci sono dei club molto belli che ospitano concerti di indie, rock, folk, etc., e abbiamo condiviso il palco con musicisti di molti generi diversi. Siamo anche stati fortunati perché la nostra musica è stata accolta bene dai fan del jazz e da quelli dell’indie rock, e anche da quelli di musiche più sperimentali come post-rock e math-rock.

Una delle sfide di vivere in un’isola remola è quella di realizzare dei tour e trovare così nuovi fan, un’attività davvero molto difficile. Abbiamo cercato di superare questo problema condividendo i video delle nostre performance online e cercando di diffondere il nostro lavoro su siti che speriamo possano essere interessati alla nostra musica, proprio come Jazzespresso.

Quali sono i vostri progetti per il futuro?
Il nuovo album ha richiesto un lungo tempo per essere completato a causa dei ritardi legati alla pandemia. Desideriamo registrare nuovo materiale, il nostro piano è di iniziare il prossimo disco all’inizio del 2022. Tra le uscite del nostro primo album e
In Relation To sono passati cinque anni:ci piacerebbe pubblicare i nostri dischi un po’ più spesso e realizzare più singoli, EP e video live dei nostri concerti.

 

In Relation To: un espresso con Ian Murphy copyright Jazzespresso 2021
Reservados todos los derechos – All rights reserved – 版權所有 – 版权所有 - Tutti i diritti sono riservati
ABOUT US / 關於我們 / 关于我们 / NOSOTROS / CHI SIAMO
[Sottoscrivi
la Newsletter di JazzEspresso se vuoi rimanere sempre informato!]
Info: info@jazzespresso.com
Advertising / 廣告 / 广告 / Publicidad / Pubblicità: adv@jazzespresso.com.
 
Jazzespresso es una revista, un sitio web, una red, un centro, que conecta todas las almas del jazz de todo el mundo. América, Europa, Asia, Australia y África: noticias de todo el mundo en una página en cuatro idiomas. Un punto de referencia multicultural en inglés, chino y castellano para los amantes de esta música en todos los países. Para el aficionado o el profesional que quiere mantenerse informado sobre lo que está ocurriendo en todo el mundo. Manténganse informados!
Jazzespresso is a magazine, a website, a network, a hub, connecting all the souls of jazz all over the world. Americas, Europe, Asia, Australia and Africa: news from all over the world on a page in four languages. A multicultural reference point in English, Chinese and Spanish language for the lovers of this music in every country. For the amateur or the pro who wants to be updated about what is happening all around the world... Stay tuned.
Jazzespresso 不只是一個爵士樂雜誌,也是一個能將擁有各種不同精髓的世界爵士樂,包括美洲、歐洲、亞洲、澳洲及非洲各地,互相連結起來的網站及交流站。以中文及英文寫成的內容將是一個新的多元文化交流的參考點,為各地的爵士音樂愛好者提供來自全世界最新的消息。請持續關注!
JazzEspresso 不只是一个爵士乐杂誌,也是一个能将拥有各种不同精髓的世界爵士乐,包括美洲、欧洲、亚洲、澳洲及非洲各地,互相连结起来的网站及交流站。以中文及英文写成的内容将是一个新的多元文化交流的参考点,为各地的爵士音乐爱好者提供来自全世界最新的消息。请持续关注!
Jazzespresso è una rivista, un sito web, una rete che connette le anime del jazz di tutto il mondo. America, Europa, Asia, Australia e Africa: notizie da tutto l'orbe terracqueo in una pagina tradotta in cinque lingue. Un punto di riferimento multiculturale in inglese, cinese, spagnolo e italiano per gli amanti di questa musica in tutti i paesi del mondo. Per gli amatori o i professionisti che vogliono essere aggiornati su quello che sta succedendo in tutto il pianeta... rimani sintonizzato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close