Una vita in musica: un espresso con Marco Basso

 

8 febbraio 2022

Professore di arte e giornalista musicale, Marco Basso è un personaggio d’altri tempi che ha lavorato tutta la vita alla diffusione della musica, con particolare attenzione ai giovani. Per una volta l’oggetto del racconto è proprio lui, che abbiamo intervistato. Buona lettura!

> Eugenio Mirti


Come ti sei avvicinato alla musica?
Sono sempre stato appassionato di musica! Ho avuto la fortuna di avere dei nonni che mi portarono a vedere i Beatles nel 1966 a Londra, e da allora ho ascoltato prima il rock, poi il blues e infine il jazz, sempre andando a ritroso e alla ricerca delle origini. Nel frattempo molto amatorialmente mi dilettavo alla batteria, e alle medie suonavamo in uno scantinato io, Carlo Rossi, Mixo e Luca De Gennaro. Dopo le medie io e Carlo (che compravamo i dischi in società perché non avevamo tanti soldi) abbiamo continuato a suonare in uno scantinato che poi diventò il Transeuropa studio. Lui in effetto si affermò come produttore e io mi dedicai invece alla radio.
 
Nel settembre del 1976, appena finita la maturità, feci un provino per il GRP:  una grande occasione e una grande palestra, perché trasmettevamo tutti i giorni con almeno due ore di musica. Io mi occupavo di rock e jazz, a volte anche di cantautori. Nel 1983 poi  vinsi un concorso nazionale in RAI e fino al 1997 ebbi la possibilità di realizzare tanti contenuti. A partire dagli anni 90 ho iniziato a collaborare con La Stampa, che aveva uno spazio per il jazz, che da allora seguo costantemente.
 
Rai Stereodrome 1986 al palasport per il concerto di Manu Dibango
 

Sicuramente oggi si è più superficiali, una volta si potevano fare tanti riferimenti perché chi leggeva aveva una cultura più ampia e profonda; questo tipo di cultura non c’è più, i tempi sono velocissimi, viviamo un gorgo di velocità e immediatezza che alla fine si trasforma in superficialità. Non c’è più quella storicizzazione che l’ascoltatore aveva nel suo bagaglio: si conosceva il passato, i dischi importanti, e così via. Paradossalmente ciò capita in un’era in cui si può accedere a tutto.

 
Come ritieni che sarà il futuro della musica e del jazz?
Dal punto di vista artistico a mio avviso c’è una classicizzazione del jazz, che è diventata una musica da conservatorio; molti fanno filologicamente “il verso” ad altri artisti ed è molto difficile trovare qualcuno che proponga qualcosa di nuovo, mentre c’è una grande capacità di ricostruire stilemi del passato. In un certo senso il jazz si è trasformato in una sorta di “musica classica”.
 
Hai cinque minuti per parlare con il Presidente del Consiglio per illustrargli la tua idea per salvare la musica: cosa gli suggrici?
L’unico modo per riuscirci a mio avviso è quello di andare nelle scuole e portare la musica ai ragazzi, raccontarla, fargliela vivere.  Ho praticato tanti anni questa attività con “Le chiavi della musica”, un progetto didattico che era stato attivato dalla città di Torino. Bisogna agire in quell’età e dare stimoli e impulsi, portare i giovani a vedere i concerti, cercare di entusiasmarli.
 
con Peter Erskine
 
Quali consigli daresti a un musicista per promuoversi?
Una volta c’erano gli showcase, in cui il musicista invitava i giornalisti e parlava di quello che aveva fatto, e lo raccontava coinvolgendo, Mandare un disco è un po’ anonimo, mentre contagiare e raccontare l’obiettivo che si è perseguito, e  farlo “toccare” dai timpani di chi hai davanti, è molto utile.
 
Sei più ottimista o pessimista per il futuro della musica?
La musica è un elemento  talmente positivo e porpositivo nella vita delle persone che non può smarririsi; certo è un momento non meraviglioso. Ho sempre detto a tutti che se non ci fosse stata la musica sarei stato più triste, mi ha rallegrato e rafforzato, anche culturalmente. Il problema grosso della nostra epoca è la fruizione passiva della musica, la bassa fedeltà e  l’ascolto distratto. Inoltre finché non si troverà un supporto che sostenga il lavoro di musicista sarà dura: l’astrattismo del digitale non è funzionale.
 
 
con Luca Morino, Rai Stereodrome 1986
 
Tre artisti cui sei legato.
Tutto è partito per me con Jimi Hendrix, che mi ha aperto gli occhi; ricordo che in seconda media avevo comprato “Axis: Bold As Love” e da lì ho cominciato il mio percorso musicale. Per il jazz cito Duke Ellington, che ascolto tantissimo, mi piace la sua elucubrazione della musica nera a mericana. Poi Miles Davis, naturalmente, e ho un grande affetto per Chick Corea e Herbie Hancock, che ho sempre seguito con piacere da “Bitches Brew” in poi. Altri mondi me li hanno infine  aperti Joe Zawinule e i Weather Report.
 
Una vita in musica: un espresso con Marco Basso copyright Jazzespresso 2022.
 
Reservados todos los derechos – All rights reserved – 版權所有 – 版权所有 - Tutti i diritti sono riservati
ABOUT US / 關於我們 / 关于我们 / NOSOTROS / CHI SIAMO
[Sottoscrivi
la Newsletter di JazzEspresso se vuoi rimanere sempre informato!]
Info: info@jazzespresso.com
Advertising / 廣告 / 广告 / Publicidad / Pubblicità: adv@jazzespresso.com.
 
Jazzespresso es una revista, un sitio web, una red, un centro, que conecta todas las almas del jazz de todo el mundo. América, Europa, Asia, Australia y África: noticias de todo el mundo en una página en cuatro idiomas. Un punto de referencia multicultural en inglés, chino y castellano para los amantes de esta música en todos los países. Para el aficionado o el profesional que quiere mantenerse informado sobre lo que está ocurriendo en todo el mundo. Manténganse informados!
Jazzespresso is a magazine, a website, a network, a hub, connecting all the souls of jazz all over the world. Americas, Europe, Asia, Australia and Africa: news from all over the world on a page in four languages. A multicultural reference point in English, Chinese and Spanish language for the lovers of this music in every country. For the amateur or the pro who wants to be updated about what is happening all around the world... Stay tuned.
Jazzespresso 不只是一個爵士樂雜誌,也是一個能將擁有各種不同精髓的世界爵士樂,包括美洲、歐洲、亞洲、澳洲及非洲各地,互相連結起來的網站及交流站。以中文及英文寫成的內容將是一個新的多元文化交流的參考點,為各地的爵士音樂愛好者提供來自全世界最新的消息。請持續關注!
JazzEspresso 不只是一个爵士乐杂誌,也是一个能将拥有各种不同精髓的世界爵士乐,包括美洲、欧洲、亚洲、澳洲及非洲各地,互相连结起来的网站及交流站。以中文及英文写成的内容将是一个新的多元文化交流的参考点,为各地的爵士音乐爱好者提供来自全世界最新的消息。请持续关注!
Jazzespresso è una rivista, un sito web, una rete che connette le anime del jazz di tutto il mondo. America, Europa, Asia, Australia e Africa: notizie da tutto l'orbe terracqueo in una pagina tradotta in cinque lingue. Un punto di riferimento multiculturale in inglese, cinese, spagnolo e italiano per gli amanti di questa musica in tutti i paesi del mondo. Per gli amatori o i professionisti che vogliono essere aggiornati su quello che sta succedendo in tutto il pianeta... rimani sintonizzato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close