Message: un espresso con Max Ferri

24 maggio 2022

Il 18 marzo la Ultra Sound ha pubblicato Message, il disco di esordio del trio guidato da Max Ferri. Lo abbiamo intervistato.

> Eugenio Mirti


Come si è formato il trio? Come hai scelto la ritmica?
Desideravo avere un trio così da tanto, tanto tempo. Per un motivo o per l’altro il progetto si arenava sempre. Conoscevo già Giorgio Di Tullio e quando capitava d’incontrarsi si parlava sempre di fare qualcosa insieme. Un giorno sono andato a sentirlo suonare con il suo quintetto e sono rimasto scioccato dall’energia che lui e William Nicastro sviluppavano insieme. Così è scoccata la scintilla che ha dato origine a questo progetto.

 

Come avete selezionato gli ospiti?
Marco Scipione l’ho visto crescere (artisticamente) ad una velocità incredibile, avevamo suonato insieme in passato e mi è sempre piaciuto il suo suono, il suo timing, e poi ha un fraseggio irresistibile. Sono molto felice che abbia accettato di suonare su “Freud”. Giorgio mi ha proposto Nicolò Fragile, visto che volevo aggiungere un piano elettrico in “Dance of the Spirits”, e che dire… il suo assolo è di una classe pazzesca! Invece per “Yes or No” serviva un bel solo di un jazzista navigato ed ho pensato al sax di Tullio Ricci, che non ha mancato di sorprenderci.

Come lavori alle composizioni e arrangiamenti? E come hai scelto i brani (classicissimi) non originali?
Ci sono brani che nascono da un’ispirazione momentanea: una melodia, un riff che mi “ritrovo” inconsciamente tra le dita. Altre volte decido a priori che voglio scrivere un determinato tipo di brano, come se me lo auto-commissionassi. Per gli arrangiamenti mi affido molto ai miei musicisti, ma riascolto sempre attentamente le registrazioni delle prove e dei live cercando di capire se qualcosa in un determinato brano può essere migliorato.

“Inner Urge” e “Yes or No” sono due dei miei standard jazz preferiti e il nostro intento era dar loro un’impronta originale. “Third Stone from the Sun” è uno dei brani più sorprendenti e innovativi di Hendrix, la sua personale sintesi tra jazz e rock: semplicemente fantastico!

 

Il sound mi ricorda quel mondo tra Scott Henderson e Robben Ford, un po’ jazz, un po’ rock e un po’ blues. Sei d’accordo? Quali sono i musicisti che ti hanno più ispirato?
Sono d’accordissimo! Robben mi ha sempre entusiasmato per il suo suono, il timing e il fraseggio elegantissimo. Henderson l’ho amato molto soprattutto con i “Tribal Tech”, e poi inevitabilmente citerei Metheny, Holdsworth e Mc Laughlin. Questi sono sicuramente i chitarristi che mi hanno influenzato di più, ma ho ascoltato e trascritto (credo) tutti i grandi esponenti della chitarra rock e jazz. Naturalmente tra le influenze non ci sono solo chitarristi e, per non dilungarmi troppo, cito solo due nomi: Chick Corea e Michael Breker.

Il disco mi sembra ben equilibrato tra fusion, esperimenti, brani lirici e acustici. Come è nato e come si è sviluppato, considerando che gli album di esordio spesso hanno gestazioni lunghe e affascinanti?
I brani originali sono stati scritti in periodi differenti e non tutti pensati appositamente per un trio, ma dopo alcune prove e concerti il repertorio si è molto amalgamato. Giorgio e William hanno una forte personalità musicale e il mix che è scaturito dal nostro incontro mi piace molto e credo sia molto fresco e naturale. Ho solo aspettato che il tutto maturasse ancora un po’ prima di andare in studio a “immortalare” il risultato.

Sono molto contento anche delle grafiche, il risultato è stato davvero oltre le mie aspettative e rappresenta esattamente quello che volevo: tre musicisti su un palco che con spensieratezza comunicano la loro passione per la musica “suonata”.

Come ti vedi da qui a dieci anni?
A
suonare e scrivere musica con le mie due situazioni musicali favorite: il Max Ferri Trio e i Mach 6, un sestetto di jazz elettrico composto da eccellenti musicisti capitanati da uno dei miei guru musicali: Alberto Mandarini. Nel 2020 abbiamo pubblicato il nostro primo album: “Take Off”.

 

Mirroring: un espresso con Paolo Sorge copyright Jazzespresso 2022.
 
Reservados todos los derechos – All rights reserved – 版權所有 – 版权所有 - Tutti i diritti sono riservati
ABOUT US / 關於我們 / 关于我们 / NOSOTROS / CHI SIAMO
[Sottoscrivi
la Newsletter di JazzEspresso se vuoi rimanere sempre informato!]
Info: info@jazzespresso.com
Advertising / 廣告 / 广告 / Publicidad / Pubblicità: adv@jazzespresso.com.
 
Jazzespresso es una revista, un sitio web, una red, un centro, que conecta todas las almas del jazz de todo el mundo. América, Europa, Asia, Australia y África: noticias de todo el mundo en una página en cuatro idiomas. Un punto de referencia multicultural en inglés, chino y castellano para los amantes de esta música en todos los países. Para el aficionado o el profesional que quiere mantenerse informado sobre lo que está ocurriendo en todo el mundo. Manténganse informados!
Jazzespresso is a magazine, a website, a network, a hub, connecting all the souls of jazz all over the world. Americas, Europe, Asia, Australia and Africa: news from all over the world on a page in four languages. A multicultural reference point in English, Chinese and Spanish language for the lovers of this music in every country. For the amateur or the pro who wants to be updated about what is happening all around the world... Stay tuned.
Jazzespresso 不只是一個爵士樂雜誌,也是一個能將擁有各種不同精髓的世界爵士樂,包括美洲、歐洲、亞洲、澳洲及非洲各地,互相連結起來的網站及交流站。以中文及英文寫成的內容將是一個新的多元文化交流的參考點,為各地的爵士音樂愛好者提供來自全世界最新的消息。請持續關注!
JazzEspresso 不只是一个爵士乐杂誌,也是一个能将拥有各种不同精髓的世界爵士乐,包括美洲、欧洲、亚洲、澳洲及非洲各地,互相连结起来的网站及交流站。以中文及英文写成的内容将是一个新的多元文化交流的参考点,为各地的爵士音乐爱好者提供来自全世界最新的消息。请持续关注!
Jazzespresso è una rivista, un sito web, una rete che connette le anime del jazz di tutto il mondo. America, Europa, Asia, Australia e Africa: notizie da tutto l'orbe terracqueo in una pagina tradotta in cinque lingue. Un punto di riferimento multiculturale in inglese, cinese, spagnolo e italiano per gli amanti di questa musica in tutti i paesi del mondo. Per gli amatori o i professionisti che vogliono essere aggiornati su quello che sta succedendo in tutto il pianeta... rimani sintonizzato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close