Moncalieri Jazz: un espresso con Ugo Viola

 

16 febbraio 2021

Lettrici e lettori di JazzEspresso, benvenuti al settimo episodio di #bluemamavibes. Siamo oggi in compagnia di Ugo Viola, fondatore e direttore artistico di Moncalieri Jazz, e la nostra chiacchierata si sviluppa tra bicchieri di ottimo vino rosso e una degustazione di salumi e formaggi km zero offerta dal gentilissimo staff del Charlie Bird Torino.

> Gabriele Sinatra 


Partiamo da una panoramica generale del Moncalieri Jazz Festival.
Moncalieri Jazz nasce nel 1998, quest’anno si festeggiano i venticinque anni! Siamo partiti con una “due giorni” all’insegna della musica jazz per poi passare ad una rassegna di dieci giorni con la seconda edizione. È da quel momento che siamo diventati internazionali, grazie anche all’ingresso di Toni Lama nel team, composto da me, Marco Viola, Valerio Signetto e Giorgio Cremona. È soprattutto grazie a Toni che siamo riusciti a portare i primi grandi artisti americani a Moncalieri. Altra grande innovazione rispetto alla prima edizione fu l’introduzione di seminari e lezioni di musica nelle scuole in concomitanza con il festival, oltre a mostre fotografiche e altri concerti in giro per la città, anche nei pub e nelle birrerie.

Dal decennale in poi invece abbiamo iniziato a proporre quindici giorni completi di programmazione, delineando il festival per come lo si conosce oggi. Risale al decennale anche il rebranding del festival: nel logo originale figurava Don Cherry davanti al castello di Moncalieri – per chi non lo sapesse, il grande trombettista visse a Moncalieri proprio a casa di Toni Lama.

Altro elemento introdotto nel tempo e di cui vado molto fiero è il premio “Incroci Sonori Jazz” ideato per favorire la crescita dei giovani. Si potevano vincere incisioni in studio, concerti o addirittura accordi discografici con la mitica Philology Jazz Records di Paolo Piangiarelli. Da questa iniziativa sono usciti musicisti come Michele Di Toro, Fabio Giachino, Walter Beltrami e tanti altri che oggi sono nomi importanti nel panorama italiano; ne vado molto fiero.

Qual è l’impatto del festival sull’economia del territorio?
In generale posso dirti che i festival sono importanti. Perfino la Bocconi ha pubblicato un libro in cui si analizza l’impatto dei festival sulle città. Detto questo, bisogna fare cultura in maniera intelligente, senza pestarsi reciprocamente i piedi tra realtà affini: Moncalieri Jazz, ad esempio, si fa a novembre proprio per non andare in competizione con gli altri jazz festival piemontesi che si tengono tra primavera ed estate.

Tornando alla tua domanda, posso farti un esempio su quanto sia forte la connessione tra Moncalieri Jazz e la città parlandoti della nostra notte nera: un’iniziativa nata sulla falsa riga delle classiche notti bianche ma con un evidente richiamo agli afroamericani. Si tratta di una notte di festa che coinvolge tutto il territorio, dagli hotel ai ristoranti, dalle enoteche ai cocktail bar, ed è coronata da concerto in piazza Vittorio Emanuele. Non è cosa da poco.

In tutto questo c’è sempre stato un rapporto molto stretto con l’arma dei carabinieri, perché la notte nera si svolgeva anche all’interno del castello, con visite agli appartamenti reali, visite storiche ecc. Questo è solo un esempio di come la cultura, se proposta nel modo giusto, possa attrarre turismo, incentivare i cittadini a frequentare il centro storico, i locali o anche solo fare due passi per vivere la città. Nel 2017 inoltre la notte nera è diventata blu, perché abbiamo sposato il GOALS n.6 dell’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile – la sezione dedicata all’acqua – coinvolgendo la SMAT per far si che la musica diventasse un mezzo per veicolare messaggi culturali che vanno oltre l’arte.

L’economia della città ne ha beneficiato molto, anche se purtroppo il centro di Moncalieri è cambiato molto negli anni e la notte nera è stata messa in standby da tre anni. Peccato perché era un evento che coinvolgeva tutti, bambini, famiglie, giovani, adulti ecc.

Un dato positivo però, è che col tempo siamo riusciti a coinvolgere il territorio anche fuori da Moncalieri, e le location sono diventate più diffuse. Abbiamo anche eventi a Torino, per esempio al Lingotto o all’Auditorium RAI quando ci servono spazi dalla capienza maggiore.

Parliamo dell’offerta artistica del festival. Cosa ti piace proporre?
Abbiamo una direzione abbastanza eterogenea, considera che abbiamo anche chiamato a suonare diverse big band universitarie da molte città italiane. Ci piace anche giocare coi centenari per creare eventi a tema. Per citarne alcuni,  abbiamo festeggiato Thelonious Monk, Dizzy Gillespie ed Ella Fitzgerald, ma anche Armando Trovajoli per restare in Italia: parliamo di colui che fondò l’orchestra ritmosinfonica jazz per la RAI!

Attraverso questo gioco delle ricorrenze riusciamo ad attingere a diversi tipi di pubblico, attingendo anche da altre discipline artistiche – abbiamo celebrato anche il centenario di Dante, per dire. Il tutto viene associato a musicisti come Paolo Fresu o attori come Pino Insegno, rendendo la manifestazione eterogenea e multidisciplinare. Un altro anno importante fu il 2018, incentrato sui diritti umani: per l’occasione avevamo invitato la prima nipote di Mandela, che accompagnata da Fabrizio Bosso, Rosario Giuliani e altri grandi personaggi di spicco fu protagonista di un evento in cui vennero lette le epistole che Nelson Mandela scrisse dal carcere.

Promuoviamo anche progetti sociali, come la big band di Pasquale Innarella che aiuta a togliere i ragazzi dalla strada per farli suonare.

Siete aperti a nuove proposte artistiche?
Il fatto di proporre artisti emergenti ci spaventa, perché temiamo che la gente non voglia andare a sentire le nuove proposte. Abbiamo trovato un buon compromesso ai tempi di Incroci Sonori Jazz, prendendo gli artisti vincitori ed inserendoli a spalla ai nomi piu grossi. Vorrei tornare a quella situazione, che purtroppo col tempo è stata accantonata. Nel tempo abbiamo collaborato anche con diverse scuole ad indirizzo musicale, per coinvolgere gli studenti in saggi e concerti durante il festival, a seguito di percorsi formativi e mentoring a cura di musicisti professionisti.

C’è da dire anche che nel tempo promoter e agenzie sono proliferate, andando a modificare molto il modo di interfacciarsi con gli artisti. Un consiglio che vorrei dare a riguardo è rivolto ai musicisti giovani: spesso avete grande qualità artistica, ma dovete riuscire a rendervi unici, esclusivi. Non andate a suonare ovunque accettando qualsiasi condizione, rischiate di svendervi e rovinarvi!

Cosa determina il successo o il fallimento di un festival musicale?
Il successo è nella caparbietà di chi fa la programmazione. Un festival vince quando riesce a dare continuità, anche nei momenti difficili, quando riesce a fare qualcosa di bello e memorabile anche in assenza di fondi. Sottolineo che noi siamo supportati dalla città di Moncalieri, dalla Regione Piemonte e da Fondazioni varie, ma non diamo per scontato che sarà per sempre così.

Quel che conta è che portiamo avanti una visione, cerchiamo di essere multidisciplinari e di coinvolgere pubblici diversificati, proponiamo una programmazione multidisciplinare, ci impegniamo dell’educazione del pubblico per far capire il reale valore della cultura. Questo è un argomento a cui tengo molto perché negli ultimi anni si è preso sottogamba il concetto di gratuità e si sta impedendo al pubblico di capire il reale valore di ciò che la cultura offre. Anche il pubblico deve capire quanta economia serve per metter su un evento ad ingresso gratuito, capire che in realtà nulla è gratis.

Perché organizzi Moncalieri Jazz?
Lo faccio perché per me la musica è vita, e sottolineo: non sono un jazzista. La musica mi piace tutta, mi intrippa. Lo faccio perché mi piace, ormai son venticinque anni che porto avanti questa idea e ho creato un evento di cui la città va fiera e non ha nulla di invidiare all’offerta generale nazionale. La soddisfazione del far girare l’economia del territorio, vedere come le varie realtà collaborano tra loro, come la città in senso lato si muove per metter su un evento di questo tipo è incredibile. Ci si aiuta. Sembra banale ma in un mondo cosi conflittuale è un elemento davvero bello.

 

Moncalieri jazz: un espresso con Ugo Viola copyright Jazzespresso 2021.
 
Reservados todos los derechos – All rights reserved – 版權所有 – 版权所有 - Tutti i diritti sono riservati
ABOUT US / 關於我們 / 关于我们 / NOSOTROS / CHI SIAMO
[Sottoscrivi
la Newsletter di JazzEspresso se vuoi rimanere sempre informato!]
Info: info@jazzespresso.com
Advertising / 廣告 / 广告 / Publicidad / Pubblicità: adv@jazzespresso.com.
 
Jazzespresso es una revista, un sitio web, una red, un centro, que conecta todas las almas del jazz de todo el mundo. América, Europa, Asia, Australia y África: noticias de todo el mundo en una página en cuatro idiomas. Un punto de referencia multicultural en inglés, chino y castellano para los amantes de esta música en todos los países. Para el aficionado o el profesional que quiere mantenerse informado sobre lo que está ocurriendo en todo el mundo. Manténganse informados!
Jazzespresso is a magazine, a website, a network, a hub, connecting all the souls of jazz all over the world. Americas, Europe, Asia, Australia and Africa: news from all over the world on a page in four languages. A multicultural reference point in English, Chinese and Spanish language for the lovers of this music in every country. For the amateur or the pro who wants to be updated about what is happening all around the world... Stay tuned.
Jazzespresso 不只是一個爵士樂雜誌,也是一個能將擁有各種不同精髓的世界爵士樂,包括美洲、歐洲、亞洲、澳洲及非洲各地,互相連結起來的網站及交流站。以中文及英文寫成的內容將是一個新的多元文化交流的參考點,為各地的爵士音樂愛好者提供來自全世界最新的消息。請持續關注!
JazzEspresso 不只是一个爵士乐杂誌,也是一个能将拥有各种不同精髓的世界爵士乐,包括美洲、欧洲、亚洲、澳洲及非洲各地,互相连结起来的网站及交流站。以中文及英文写成的内容将是一个新的多元文化交流的参考点,为各地的爵士音乐爱好者提供来自全世界最新的消息。请持续关注!
Jazzespresso è una rivista, un sito web, una rete che connette le anime del jazz di tutto il mondo. America, Europa, Asia, Australia e Africa: notizie da tutto l'orbe terracqueo in una pagina tradotta in cinque lingue. Un punto di riferimento multiculturale in inglese, cinese, spagnolo e italiano per gli amanti di questa musica in tutti i paesi del mondo. Per gli amatori o i professionisti che vogliono essere aggiornati su quello che sta succedendo in tutto il pianeta... rimani sintonizzato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close