Open Papyrus Jazz Festival: edizione 40

1 settembre 2020

L’edizione 40 dell’Open Papyrus Jazz Festival.

Si terrà a Ivrea dal 3 al 19 settembre la quarantesima edizione dell’Open Papyrus Jazz Festival. Così la descrive il direttore artistico, Massimo Barbiero:

” 40 edizioni per un festival “diverso” è sempre un bel traguardo e, considerando i difficili momenti che vive la cultura in questo paese e quello che significa organizzare cultura in questo territorio, ci rende ancora più fieri di quanto costruito. Il titolo di questa edizione vuole sottolineare l’elemento dei linguaggi.
Linguaggi; perché la Musica, la Danza, la Pittura e la Letteratura sono sempre stati i nostri obiettivi: uscire dalla manifestazione autoreferenziale. Certo, l’origine del festival fu il jazz, la musica; ma, oggi più che mai, non c’è nulla di più pericoloso di manifestazioni monotematiche. Il nostro sforzo é rendere il Festival più naturale possibile e non frutto di un collage forzato. 
Tutto questo coinvolgendo le realtà più importanti del territorio: Arabesque, Baobab e  Accademia di Danza; i reading; le incursioni  per le vie della città, nei locali le degustazioni di prodotti di qualità del territorio; la Pittura, con Arte in Fuga e le sue mostre, disseminate in ogni sede di concerti; le fotografie nelle vetrine del centro; i flash-mob di Danza; la street band per le vie della città… 
Questo è ciò che cerchiamo di far diventare il Festival: vogliamo farlo uscire dalla sede istituzionale e storica del teatro per arrivare alla gente.  Questo insieme di avvenimenti vuole dare un senso di unità, non solo progettuale, sinergico, ma realmente figlio del “villaggio globale”, di cultura in senso più ampio; la concezione che cultura è convivio, è “stare insieme” ma senza perdere di vista la “qualità”! È ciò che c’è sul tavolo, perché non conta solo come è apparecchiato!
Sono tempi difficili; dare senso e valore alle cose che immaginiamo, pensiamo e progettiamo, sembra esser diventato inutile e privo di sostanza. Noi continuiamo a credere, invece, che questa sia la strada: l’unica, in quanto “non sono i mezzi che fanno un Festival, sono gli uomini che comprendono cosa significa la responsabilità di dare un senso a un’idea… tracciare dei percorsi, avere il coraggio dei propri errori…”
Perché, per dirla con Monk, si devono commettere gli errori giusti”.

Il programma:

Giovedì 3 settembre
ore 21.00 – teatro Giacosa
PAOLO FRESU TRIO
Tempo di Chet
Paolo Fresu: tromba, flicorno, effetti
Dino Rubino: piano e flicorno
Marco Bardoscia: contrabbasso   

Venerdì 4 settembre
ore 18.00 – Sala S.Marta –
Guido Michelone presenta il suo ultimo libro
Il Jazz e le idee
in collaborazione con: Galleria del libro e G.Pilo

ore 18.30 – Sala S.Marta –
Aperitivo con prodotti e vini del territorio 
a cura della Enoteca Vino e Dintorni
ore 19.00 – Sala S.Marta –

Night Dreamers quartet
(presentazione cd Téchne)
Emanuele Sartoris: piano
Simone Garino: sax
Antonio Stizzoli: batteria
Marco Bellafiore: basso

ore 21.00 – Teatro Giacosa
ODWALLA 
Massimo Barbiero: marimba, vibes, percussions
Matteo Cigna: vibes, percussions
Stefano Bertoli: drums
Andrea Stracuzzi: percussions
Doudù Kwateh: percussions
Alex Quagliotti: drums, percussions
Cheikh Fall: djembè kora
Gaia Mattiuzzi, Boris Savoldelli: voice
Giulia Ceolin, Gloria Santella: dance

Sabato 5 settembre

ore 18.00 – Sala S.Marta –
Alessandro Bertinetto presenta il libro:
Eseguire l’inatteso.
Ontologia della musica e improvvisazione.
Ed. Il glifo “Improvvisazione e filosofia nel jazz e altrove”
in collaborazione con Libreria Mondadori e D.Gamba

ore 18.30 – Sala S.Marta –
Aperitivo con prodotti e vini del territorio 
a cura della Enoteca Vino E Dintorni
ore 19.00 – Sala S.Marta 

Dimasi Fiorini Novelli trio
Vince Novelli:  chitarra
Giuseppe Dimasi: batteria
Giorgio Fiorini: contrabbasso

ore 21.00 – Teatro Giacosa
JW Orchestra & Gianluigi Trovesi
Verdi play jazz
Marco Gotti
: sax tenore clarinetto e arrangiamenti originali

Giancarlo Porro: sax baritono e clarinetto
Sergio Orlandi: tromba
Gigi Ghezzi: tromba
Davide Albrici: trombone
Paolo Manzolini: chitarra
Sandro Massazza: contrabbasso
Stefano Bertoli: batteria
Special Guest: Gianluigi Trovesi: clarinetto basso, sax alto

 

Domenica 6 settembre
ore 18.00 – Museo Garda
Roberta Tirassa 
“4000 dances for the Earth”

un progetto artistico e ambientale
Performance di danza e musica
musica: Massimo Barbiero  /  direzione: Dejalmir Melo 

Sabato 19 settembre
ore 21.00 – via Jervis, 24 – ingresso su invito
Nell’ambito del Festival dell’Architettura
omaggio a “Il Maestro e Margherita”
Presentazione cd Woland
Massimo Barbiero: batteria e percussioni
Eloisa Manera: violino e violino elettrico 5 corde
Emanuele Sartoris: pianoforte

I luoghi:
Teatro Giacosa piazza Teatro 1, Ivrea
Sala S.Marta – Enoteca Vino e dintorni piazza Santa Marta, Ivrea
Museo Garda

Presenta: Daniela Anrò

Ingressi: 
Mercoledì 2 e Domenica 6: ingresso gratuito con prenotazione
Giovedì 3: € 20,00
Venerdì 4 e Sabato 5: € 15,00
Sabato 19: ingresso su invito
Abbonamento: € 35,00

Direzione Artistica: Ivrea Jazz Club/ Music Studio
La manifestazione è organizzata da Ivrea Jazz Club e Music Studio.

Realizzato con il contributo del Comune di Ivrea

Prevendite presso: 
Associazione “Il Contato” – Piazza Ferruccio Nazionale 12 – Ivrea – Tel. 0125 641.161
Orari: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 16.30
Music Studio – Tel. 0125 40450 – informazioni@music-studio.it

 – 

Reservados todos los derechos – All rights reserved – 版權所有 – 版权所有 - Tutti i diritti sono riservati
ABOUT US / 關於我們 / 关于我们 / NOSOTROS / CHI SIAMO
[Sottoscrivi
la Newsletter di JazzEspresso se vuoi rimanere sempre informato!]
Info: info@jazzespresso.com
Advertising / 廣告 / 广告 / Publicidad / Pubblicità: adv@jazzespresso.com.
 
Jazzespresso es una revista, un sitio web, una red, un centro, que conecta todas las almas del jazz de todo el mundo. América, Europa, Asia, Australia y África: noticias de todo el mundo en una página en cuatro idiomas. Un punto de referencia multicultural en inglés, chino y castellano para los amantes de esta música en todos los países. Para el aficionado o el profesional que quiere mantenerse informado sobre lo que está ocurriendo en todo el mundo. Manténganse informados!
Jazzespresso is a magazine, a website, a network, a hub, connecting all the souls of jazz all over the world. Americas, Europe, Asia, Australia and Africa: news from all over the world on a page in four languages. A multicultural reference point in English, Chinese and Spanish language for the lovers of this music in every country. For the amateur or the pro who wants to be updated about what is happening all around the world... Stay tuned.
Jazzespresso 不只是一個爵士樂雜誌,也是一個能將擁有各種不同精髓的世界爵士樂,包括美洲、歐洲、亞洲、澳洲及非洲各地,互相連結起來的網站及交流站。以中文及英文寫成的內容將是一個新的多元文化交流的參考點,為各地的爵士音樂愛好者提供來自全世界最新的消息。請持續關注!
JazzEspresso 不只是一个爵士乐杂誌,也是一个能将拥有各种不同精髓的世界爵士乐,包括美洲、欧洲、亚洲、澳洲及非洲各地,互相连结起来的网站及交流站。以中文及英文写成的内容将是一个新的多元文化交流的参考点,为各地的爵士音乐爱好者提供来自全世界最新的消息。请持续关注!
Jazzespresso è una rivista, un sito web, una rete che connette le anime del jazz di tutto il mondo. America, Europa, Asia, Australia e Africa: notizie da tutto l'orbe terracqueo in una pagina tradotta in cinque lingue. Un punto di riferimento multiculturale in inglese, cinese, spagnolo e italiano per gli amanti di questa musica in tutti i paesi del mondo. Per gli amatori o i professionisti che vogliono essere aggiornati su quello che sta succedendo in tutto il pianeta... rimani sintonizzato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close