L’intervista ai Silent Fires

3 febbraio  2020

È uscito lo scorso dicembre “Forests”, l’album di esordio di un brillante quartetto guidato da Alessandro Sgobbio.

Il pianista è affiancato da Karoline Wallace alla voce, Hilde Marie Holsen a tromba ed effetti e Håkon Aase al violino. L’abbiamo intervistato.

Di Eugenio Mirti

Come nasce questo gruppo?
Durante il mio periodo di studi presso la Norges Musikkhøgskole di Oslo. Con Karoline, Hilde e Håkon ci siamo incontrati in modalità e tempistiche diverse, ma sin da subito si è instaurato un rapporto di ascolto e fiducia reciproci.

E come ne avete elaborato il sound, che mescola jazz, classica ed elettronica?
In maniera del tutto naturale e progressiva, è un equilibro che si rinnova ad ogni prova o concerto; credo che l’unione di esperienze sonore e stilistiche (apparentemente) divergenti sia uno dei punti di forza di questo ensemble. Le coreografie della danzatrice Synne Garvik – ormai nostra ospite fissa sul palco – aggiungono una dimensione visuale al flusso sonoro.

Come hai lavorato alla composizione dei brani?
Il lavoro di scrittura, durante i miei due anni del master, si è incentrato sulla creazione di unità melodiche – essenziali e reiterate – controbilanciate da composizioni con arrangiamenti più strutturati. Ogni partitura supera raramente la pagina unica, quasi a suggerire un’immersione diretta nel suono e nella musica.
Il materiale melodico è strettamente legato ai testi cantati, in varie forme ispirati al tema della spiritualità, e p
er la prima volta, ho anche scritto dei testi originali. Preziosissimi sono stati i consigli ricevuti, in corso d’opera, dal compositore e pianista Misha Alperin, con il quale ho avuto l’occasione e l’onore di studiare in Accademia.

Il tema del disco è la spiritualità: perché?
La spiritualità è un fil rouge che accompagna un po’ tutta la mia produzione, sin dal primo disco « Aforismi Protestanti » del 2010. Quanto a “Forests”, desideravo raccogliere e pubblicare una raccolta di « nuove preghiere contemporanee » che potessero suggerire degli spazi di meditazione in cui perdersi (o ritrovarsi).
Esiste – credo – un’affascinante analogia tra la ricchezza semantica dei simbolismi delle tradizioni spirituali, e la forza generatrice presente in un suono o in un frammento melodico. Spero che questo disco possa ispirare altre persone a esplorare e trovare nuovi spunti di riflessione su questo tema.

 

Il fatto di venire da culture diverse ha influenzato la vostra musica?

Sicuramente sì, e in positivo. Al di là di alcune specificità territoriali (ad esempio, in ambito culturale e accademico), credo che ogni musicista sia influenzato profondamente dalla scena o dalle scene musicali con le quali entra in contatto; tutto questo, ovviamente, riaffiora nel modo in cui si scrive e interpreta la musica, e nella maniera in cui la si condivide.

Porterete “Forests” live? Pensi che i brani cambieranno nel corso delle esecuzioni?
Sì! I brani cambieranno sicuramente – pur mantenendo le loro specificità – ed eseguiremo anche alcune composizioni inedite. Il tour di presentazione di “Forests” partirà il 12 febbraio a Oslo, per poi toccare Langhus (Norvegia), Berlino, Parigi, Porto. Per il pubblico italiano, saremo anche a Milano, precisamente domenica 23 febbraio alle 18:30 – ultima data del tour nella splendida cornice di Casa da Paes. Vi aspettiamo!

 

Le altre news dall’Italia

 

L’intervista ai Silent Fires Jazzespresso Jazz Magazine – copyright 2020

 

Reservados todos los derechos – All rights reserved – 版權所有 – 版权所有
ABOUT US / 關於我們 / 关于我们 / NOSOTROS / CHI SIAMO
[Subscribe to JazzEspresso Newsletter if you want to be always kept posted!]
Info: info@jazzespresso.com
Advertising / 廣告 / 广告 / Publicidad / Pubblicità: adv@jazzespresso.com.
 
Jazzespresso es una revista, un sitio web, una red, un centro, que conecta todas las almas del jazz de todo el mundo. América, Europa, Asia, Australia y África: noticias de todo el mundo en una página en cuatro idiomas. Un punto de referencia multicultural en inglés, chino y castellano para los amantes de esta música en todos los países. Para el aficionado o el profesional que quiere mantenerse informado sobre lo que está ocurriendo en todo el mundo. Manténganse informados!
Jazzespresso is a magazine, a website, a network, a hub, connecting all the souls of jazz all over the world. Americas, Europe, Asia, Australia and Africa: news from all over the world on a page in four languages. A multicultural reference point in English, Chinese and Spanish language for the lovers of this music in every country. For the amateur or the pro who wants to be updated about what is happening all around the world... Stay tuned.
Jazzespresso 不只是一個爵士樂雜誌,也是一個能將擁有各種不同精髓的世界爵士樂,包括美洲、歐洲、亞洲、澳洲及非洲各地,互相連結起來的網站及交流站。以中文及英文寫成的內容將是一個新的多元文化交流的參考點,為各地的爵士音樂愛好者提供來自全世界最新的消息。請持續關注!
JazzEspresso 不只是一个爵士乐杂誌,也是一个能将拥有各种不同精髓的世界爵士乐,包括美洲、欧洲、亚洲、澳洲及非洲各地,互相连结起来的网站及交流站。以中文及英文写成的内容将是一个新的多元文化交流的参考点,为各地的爵士音乐爱好者提供来自全世界最新的消息。请持续关注!
Jazzespresso è una rivista, un sito web, una rete che connette le anime del jazz di tutto il mondo. America, Europa, Asia, Australia e Africa: notizie da tutto l'orbe terracqueo in una pagina tradotta in cinque lingue. Un punto di riferimento multiculturale in inglese, cinese, spagnolo e italiano per gli amanti di questa musica in tutti i paesi del mondo. Per gli amatori o i professionisti che vogliono essere aggiornati su quello che sta succedendo in tutto il pianeta... rimani sintonizzato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close